UniMoscow - LIBUNI ESOTERICA

Vai ai contenuti

Menu principale:

Imperial Academy of Russia
Saint Nicholas Moscow University
UniMoscow For Sciences, International Relations
And Diplomatic Affairs


Profilo Storico / Status
La UniMoscow - Imperial Academy of Russia – Saint Nicholas Moscow University for Sciences, International Relations and Diplomatic Affairs, è una Istituzione dinastica, non nazionale, fondata il 18 marzo 1669 dai Granduchi di Russia, Casa Imperiale riuricense di Kiev, Novgorod e Moscovia. Riconosciuta nel 1669 con Decreto Imperiale (Iradeh) del Sultano Maometto IV Osmane. Riconosciuta dal Duca di Modena Ercole III d'Este il 26.4.1788. Riconosciuta con Imperiale e Reale Decreto di S.M. l’Imperatore d’Austria e Re d’Ungheria, e Aulico Dispaccio dell'I. e R. Governo Austro-Ungarico del 1890. Per effetto, nel 1922, delle Tavole Albertine e l’estensione dello Statuto del Regno d’Italia alle nuove provincie non più soggette all’Austria, ogni riconoscimento precedente diventava produttivo di tutti gli effetti di legge; Regio Decreto di S.M. il Re d’Italia Vittorio Emanuele III del 7.1.1923. Legittimata con Regio Decreto del 27.4.1944 dal legittimo Real Governo di Jugoslavia in esilio a Londra, che ne decretò l'erezione in ente morale culturale internazionale alleato (a fianco degli Alleati). Nel 1943 l’Imperiale Accademia (alias, Studiorum Universitas di “San Cirillo”) - insieme con altre prestigiose Istituzioni tra le quali anche l'Accademia Tiberina e l’Accademia dei Lincei - dato il suo alto valore culturale e la rinomanza dei suoi membri, venne catalogata come "Istituzione Aggregata" all'Accademia di Studi Superiori Minerva e legalmente riconosciuta nella sua attività di Libera Università dal Decreto della Real Casa Savoia, firmato Vittorio Emanuele III, Re D'Italia - nr. 158 di Prot. / Ug. del 04.11.1943. Quale Ente di Diritto Internazionale, essa è patrimonio dinastico della Casa Imperiale Reale e Granducale Tiberio-Dobrynia di Russia, il cui attuale Capo di Nome e d’Armi è SARI Prof. Antonio Tiberio di Dobrynia di Russia di Roma-Bisanzio, Gran Principe di Dobrynia, di Moscovia, di Bisanzio, d’Aragona di Sicilia, etc., etc., etc.; il quale è stato riconosciuto quale Soggetto di Diritto Internazionale, riconosciuto (pleno jure) in tutte le sue prerogative dinastiche con varie sentenze internazionali esecutive di Autorità Giudiziarie in Italia e all'estero nei territori degli Stati aderenti alla Convenzione di New York del 10 giugno 1958. [cfr. Pubblicazioni di Stato: Bollettino Ufficiale della Confederazione Elvetica, 11 marzo 2010; Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - Repubblica Italiana, n° 74 del 12 maggio 2011]; L’Augusta Casa parimenti è stata riconosciuta da altre sentenze internazionali esecutive, quali quelle della “Corte de Justiça Arbitral do Brasil”, Rio de Janeiro: sentenze N° 0228/2012, del 20.02.2012; N° 1227/2012, del 27.12.2012; dalla sentenza internazionale del 10.03.2014 della Corte Arbitrale di Padova, resa esecutiva con Decreto del Presidente del Tribunale Ordinario di Padova (del 06.05.2014 N° 946/2014 RG 1276/2014). Le su citate sentenze internazionali riconoscevano altresì l’Imperiale Accademia di Russia Studiorum Universitas Sancti Nicolai - UniMoscow, quale Organismo di diritto internazionale, e patrimonio dinastico della I.R. Casa Tiberio di Dobrynia, che legittimamente ne governa il Rettorato ereditario.

Riconoscimenti Storici
Dalla metà del 1600 l’Istituzione accademica aveva fondato in Enez in Turchia l’annessa Mádrasah (Médersa) per l’istruzione superiore universitaria e l’interculturalità fra il mondo islamico e quello occidentale.
1669: Iradeh (Decreto) di riconoscimento del Sultano Maometto IV Osmane.
1788: Decreto di riconoscimento del Duca di Modena Ercole III d’Este (26.4.1978).
1890: Imperiale e Reale Decreto di S.M. l’Imperatore d’Austria e Re d’Ungheria, e Aulico Dispaccio dell'I. e R. Governo Austro-Ungarico.
1922: Per effetto delle Tavole Albertine e l’estensione dello Statuto del Regno d’Italia alle nuove provincie non più soggette all’Austria, ogni riconoscimento precedente diventava produttivo di tutti gli effetti araldici e nobiliari.
1923: Regio Decreto di S.M. il Re d’Italia Vittorio Emanuele III (R.D. del 7 gennaio 1923).
1944: Regio Decreto del Real Governo di Jugoslavia in esilio a Londra (R.D. del 27 aprile 1944).
1943: l’Imperiale Accademia (alias, Studiorum Universitas di “San Cirillo”) - insieme con altre prestigiose Istituzioni tra le quali anche l'Accademia Tiberina e l’Accademia dei Lincei - dato il suo alto valore culturale e la rinomanza dei suoi membri, venne catalogata come "Istituzione Aggregata" all'Accademia di Studi Superiori Minerva e legalmente riconosciuta nella sua attività di Libera Università dal Decreto della Real Casa Savoia, firmato Vittorio Emanuele III, Re D'Italia - nr. 158 di Prot. / Ug. del 04.11.1943.

Scopi
La diffusione e lo studio delle scienze, le arti, le lettere; lo studio delle discipline logiche, umanistiche, scientifiche e la loro applicazione; la ricerca innovativa e la stampa di opere segnalatesi per il loro alto valore culturale; organizza convegni, incontri, simposi, seminari; promuove interscambi culturali e gemellaggi sul piano internazionale con conferisce titoli o onorificenze accademiche al merito, e qualunque altra forma di premio idonea ad incrementare gli studi e a valorizzare le professionalità.

Rettorato e Presidenza Internazionale
[image:image-1]
Magnifico Rettore Supremo ereditario: S.A. Prof. Antonio Tiberio di Dobrynia
Pro Rettore: S.A. Dr. Enza d’Alonzo Tiberio di Dobrynia
Segretario Generale: S.A. Francesco Maria Tiberio di Dobrynia

Rettori Onorari
Prof. Luigi Pruneti, saggista e scrittore di fama internazionale.
Prof. Aldo Colleoni von Roerich, già Console Generale della Mongolia in Italia.
Prof. Francesco Sanvitale (alla memoria), musicologo di fama internazionale, già Direttore dell’Istituto Tosti di Lirica di Ortona e del Japan Institut di Tokyo (Giappone).
La “Libera Università degli Studi Esoterici Achille D’Angelo – Giacomo Catinella”
Dipartimento UniMoscow, è dedicata alla memoria dei famosi Maestri Esoterici
Achille D’Angelo, Zio materno del Rettore Unimoscow Tiberio di Dobrynia;
Giacomo Catinella, Bisnonno paterno del Pro Rettore Enza D’Alonzo.


Il Prof. Achille d’Angelo, Principe di Bisanzio, di origini molisane e sangue nobiliare bizantino (nato nel 1907, morto nel 1971 a Roma), assunto agli onori della cronaca mondiale negli anni ’50 - ‘60 come taumaturgo, “uomo-medicina”, esoterista dalle incredibili facoltà paranormali e noto con l’appellativo di “Mago di Napoli”, fu definito dalla prestigiosa rivista americana TIME nel 1953 come “Magnetic Wizard”.
Dotato di incredibili capacità extrasensoriali: magnetismo, telepatia, chiaroveggenza, telecinesi, bilocazione, tanto che le sue facoltà vennero studiate ed accertate dai più illustri scienziati dell’epoca: dal prof. Trabacchi dell’Istituto Superiore di Sanità, dall’illustre medico endocrinologo prof. Nicola Pende, che lo dichiarò “un guaritore benefico, ed un uomo che racchiude potenze extrasensoriali di valore incalcolabili”, dal grande prof. Emilio Servadio, uno dei fondatori della psicoanalisi italiana; dal neuropsichiatra prof. Ettore Patini; sottoposto a rigorosi esperimenti scientifici alla Sorbona di Parigi, alla Società Italiana di Metapsichica in Roma, che appurarono quelle strabilianti capacità di irradiare energia al di fuori del corpo, con soffi, toccamenti e colpi a distanza su soggetti riceventi, tanto da essere classificato detto singolare fenomeno come “effetto d’Angelo”.
Nel suo studio romano ai Parioli il Prof. d’Angelo effettuò guarigioni strabilianti, alleviando le sofferenze di tanti sconosciuti e sventurati in un’opera filantropica sempre al servizio dei più deboli, e ridonando la salute anche ai personaggi più famosi e vip del suo tempo, da Totò a Marylin Monroe, a Sophia Loren, Gina Lollobrigida, Beniamino Gigli, Tito Schipa, all’ex regina Maria Josè, al grande maestro Arturo Toscanini, allo statista Winston Churchill, a Nikita Krusciov, al Presidente degli Stati Uniti John Fitzgerald Kennedy, il quale ricevuto “Mister Achille” alla Casa Bianca a Washington nel 1961, lo ringraziava giudicandolo “il più umano e terrestre degli angeli”; e poi i Papi, Pio XII e Giovanni XXIII, da lui curati inspiegabilmente; al campione di ciclismo Fausto Coppi che, rimesso in forma per il Campionato d’Europa, così raccontava: “Mi toccò appena. Fece scorrere le sue mani lungo le mie gambe, e guarii immediatamente. Le sue mani erano come fuoco, sentii come se migliaia di aghi mi fossero penetrati nella carne”.
Un prodigio vivente, un miracolo unico nell’ignoto, uno spiritualista e maestro esoterico ed alchimista rimasto ineguagliato, che da quella poco conosciuta “Loggia Ermetica Regulus” da lui fondata verso la fine degli anni ‘40 (cfr. Bollettino Ufficiale Repubblica Italiana, N. 26, 02 marzo 1948), dopo una vita incredibile ha lasciato dietro di sé un mistero ancora più grande.


Giacomo Catinella (1876, Napoli – 1943, Bari), Maestro di Myriam, iniziato di formazione martinista e kremmerziana, lungo la Tradizione di Eliphas Levi e di Raimondo de Sangro principe di San Severo, è stato uno dei più raffinati intellettuali napoletani dell’esoterismo a cavallo tra ottocento e novecento.
Autore di pregevoli scritti e mirabili traduzioni, tra cui “Le Favole egizie e Greche” del Pernety, fine conoscitore di sanscrito, egiziano e molteplici altre lingue antiche, profondo studioso di classici e mitologia; pubblicò “Il Mito di Leda e l’Uovo di Elena”, opera sublime di filosofia ermetica, il “Liber Mutus Alchemico”, la “Tetralogia ermeneutica sul grande arcano della natura”, “Commentario alla Divina Commedia”, scritti vari sulla rivista “Commentarium”, e tanti altri testi di particolare rilevanza per gli studiosi della materia.
Appartenente alla Schola Philosophica Ermetica di Miriam di Giuliano Kremmerz (al secolo Ciro Formisano), fondò poi un importante Cenacolo di esoteristi che aveva sede a Bari, nel palazzo liberty di Via Abbrescia 50, punto d’incontro nella grande sala affrescata con enigmatici geroglifi e simboli alchemici, di studiosi che vi confluivano da ogni parte d’Europa per tracciare nuovi orizzonti dello spirito alla Tradizione Perenne.

JOIN OUR MAILING LIST:


© 2017 Created Segreteria LIBUNI Esoterica
ADDRESS:

Sede Centrale
Viale della Repubblica, 21
73100 Lecce (Puglia/Italy)

OPENING HOURS

Mon - wed - frid : 16,30 pm - 19,30 pm
​​Sat - Sun: Closed
Segreteria +39 331 732 7875
Email Address segreteria.accademiaesoterica@arcadialecce.it
Torna ai contenuti | Torna al menu